Abmb

Vai ai contenuti

Menu principale:


Clicca sull'immagine per visualizzare la locandina intera col programma

PER WINDOWS

PER MACINTOSH

GRANDE NOVITA'!!
IL SOFTWARE DELL'ABMB
PER LA GESTIONE
DELLA BANDA!

<--- Cliccate sul pulsante per Windows o per Macintosh per scaricare il software


Vuoi iscrivere il tuo gruppo ad ABMB?
Scarica il modulo di adesione

Questi sono i tutorial per l'uso del programma "ENTERBAND"

Perché Santa Cecilia è la protettrice dei musicisti


Su S. Cecilia esiste una Passio (storia del suo martirio) dalla quale si è sempre pensato che derivasse il motivo per cui è stata proclamata patrona della musica e dei musicisti. In realtà non dalla Passio si deve desumere la storia, ma dall'antifona che precedeva la Messa a lei dedicata. L'antifona era (è) un canto che precede (anti) la celebrazione. Il testo di tale canto latino recitava: Cantantibus organis, Cecilia virgo, in corde suo soli Domino decantabat dicens: fiat, Domine, cor meum et corpus meum immaculatum ut non confundar, ossia, mentre suonavano gli strumenti musicali (organis) la vergine Cecilia cantava nel suo cuore soltanto per il Signore dicendo: Signore, il mio cuore e il mio corpo siano immacolati affinché io non sia confusa. Per dare un senso a tale testo la tradizione lo riferiva al banchetto di nozze di Cecilia traducendo: mentre gli strumenti musicali profani suonavano, Cecilia cantava a Dio dentro di sè. Questa però era l'interpretazione iniziale, ben presto tramutatasi con un " Cecilia cantava a Dio con l'accompagnamento dell'organo". A partire dal XV secolo, proprio in base a questa interpretazione errata, si iniziò a raffigurare la Santa con un piccolo organo portativo. Va ricordato che tale strumento è uno dei più antichi in assoluto, esistente già al tempo degli egiziani e che i Romani perfezionarono fino a renderlo uno strumento importante tanto che accompagnava perfino i giochi gladiatori nel circo. Ma torniamo all'antifona: i testi più antichi non riportano Cantantibus e nemmeno il suo sinonimo Canentibus, entrambi col significato di cantare, Ma CANDENDIBUS, che significa incandescenti e dunque l'antifona autentica farebbe: Candendibus organis, ossia con strumenti di tortura incandescenti e perciò descriverebbe una Cecilia che tra gli strumenti di tortura incandescenti cantava a Dio nel suo cuore. Il riferimento storico, dunque, non è al banchetto di nozze, ma al martirio. Poi, le insistite raffigurazione della Santa accanto all'organo hanno portato a considerarla dedita a tale strumento e da qui il patrocinio dei musicisti e della musica. Curiosamente, un'errata interpretazione nonchè traduzione sta alla basa della Patrona. Non per questo meno dolce.

Ricerca storica del Dott. Egidio Bonomi di Lumezzane

...UN BEL PENSIERO, CHE CI FA SENTIRE IMPORTANTI

" A volte, qualcuno sostiene amaramente, che la gente avverte la funzione della banda solo quando manca, come succede per le persone il cui affetto si da per scontato per lunga consuetudine, e poi, quando ci lasciano, ci consegnano a una incolmabile solitudine. Non cadiamo in questo pericolo : sosteniamo, con costanza, la nostra banda con lo stimolo, ai nostri giovani, perché si formino musicalmente e ne facciano parte.
Un paese, una comunità esiste solo se essa si sa esprimere in segni collettivi : la banda è uno di questi. Coloro che scelgono di suonare nella banda, sanno bene che non percepiranno un centesimo di euro, avranno solo l’onere delle sere impegnate per le prove, portandosi dietro le gioie o i pensieri della giornata da confrontare con quelle dei compagni. Perciò, quando li vediamo sul palco o in piazza per un concerto e mentre accompagnano, a passo di marcia, una processione o, con profonda partecipazione, un funerale con il difficile compito di elevare il sentimento religioso tenendo d’occhio, contemporaneamente lo spartito e il perfetto allineamento con i compagni davanti, sperando di evitare le insidie delle buche sull’asfalto, allora ricordiamoci che non sono dei professionisti dell’arte musicale, ma solo volontari interpreti di un sentimento collettivo di unità e condivisione che esprimono la magìa delle note."

GIULIANO GRITTI

CORSI DI DIREZIONE E CORSI PER DIRIGENTI

L'Associazione Bande Musicali Bresciane, in collabrorazione con Brescia FilHarmonia e CAVALLI Strumenti Musicali organizza la 5^ Edizione dei Corsi del CENTRO DI FORMAZIONE BANDISTICO di BRESCIA.
Per l’anno 2010/2011 verranno attivati i seguenti corsi:


• Corso di DIREZIONE livello BASE
• Corso di DIREZIONE livello INTERMEDIO
• Corso di formazione per DIRIGENTI di Bande Musicali


VEDI TUTTI I DETTAGLI DEI CORSI

Convegno ABMB 21/09/2008 - Coccaglio (BS)

Di seguito trovate una serie di resoconti del convegno tenutosi a Coccaglio il 21 Settembre 2008, riguardante l'inquadramento civilistico e fiscale delle bande musicali e i rapporti con la SIAE..


SPONSOR
 
Torna ai contenuti | Torna al menu