Statuto - Abmb

Vai ai contenuti

Menu principale:

ASSOCIAZIONE BANDE MUSICALI BRESCIANE


ideatore del Progetto Maestro Clemente Duni
Direttore Artistico con collegamento all'Assessorato alla cultura della Provincia

ESTRATTO DELL'ATTO COSTITUTIVO A.B.M.B. IN DATA 16/09/1998

In Brescia, nella casa in Corso Martiri della Libertà n. 17. Avanti a me dott. Luigi Mazzola Panciera di Zoppola Bona, notaio residente in Gardone Val Trompia ed iscritto presso il Collegio Notarile di Brescia, senza L'assistenza di testimoni per espressa rinuncia fattane concordemente dai comparenti col mio consenso sono presenti i signori:

RAINERI LIVIO di Coccaglio
CORSINI AUGUSTO di Adro
BERTOLI SILVIA di Bedizzole
PIOTTI DARIO PIER GIOVANNI di Tavernole sul Mella
OCCHI GIOVANNI BATTISTA di Vezza d'Oglio
AMBROSI GIAN FRANCESCO di Marcheno
ALBERTI VITTORIO di Darfo Boario Terme
FERISERI FRANCESCO di Agnosine
FRANZI ITALO di Vobarno
ANTONELLI ALEANDRO di Breno
ZIGLIANI EZIO di Coccaglio

Persone della cui identità io notaio sono certo tutte con cittadinanza italiana le quali mi richiedono per quanto segue.

1) E' costituita un'Associazione denominata:

A.B.M.B. ASSOCIAZIONE BANDE MUSICALI BRESCIANE

2) L'Associazione è apolitica e non ha scopi di lucro. Essa si propone di promuovere e favorire nella Provincia di Brescia, la diffusione della cultura musicale e bandistica in particolare. L'Associazione pertanto perseguirà i seguenti obbiettivi:

a) favorire lo sviluppo di organizzazioni bandistiche e musicali in genere; come ad esempio: gruppi corali, folcloristici ecc.;
b) curare la formazione ed educazione musicale dei giovani, agevolandone, anche finanziariamente, gli studi;
c) rappresentare unitariamente gli associati nei confronti della Pubblica Amministrazione in genere e privati proponendosi nelle iniziative come primo interlocutore a difesa degli interessi delL'immagine delle Bande e organizzazioni musicali associate;
d) far conoscere la esclusiva e peculiare natura amatoriale delle Bande e dei gruppi associati;
e) curare i collegamenti con Enti pubblici e privati e con analoghe o affini organizzazioni musicali esistenti in Italia e alL'estero, realizzando utili scambi culturali e associativi;
f) attivarsi per procurare all'Associazione i mezzi finanziari, le sovvenzioni, le donazioni utili alL'espletamento delle sue funzioni;
g) promuovere e sviluppare ogni iniziativa rivolta a potenziare l'attività dell'Associazione, soprattutto nel campo della sensibilizzazione musicale, della formazione e della qualificazione.

2) L'Associazione ha sede in Brescia Via Musei N. 32 .
3) L'Associazione non ha scopo di lucro ed è regolata dalle norme del presente atto costitutivo e dallo statuto, il cui testo da me letto ai comparenti e dagli stessi approvato e sottoscritto con me notaio viene allegato al presente atto sotto la lettera A a formarne parte integrante e sostanziale.

A comporre il Consiglio di Amministrazione vengono chiamati i signori sopracitati. Tutti i comparenti dichiarano di accettare la carica ed all'unanimità nominano:
- Presidente del Consiglio di Amministrazione il signor Corsini Augusto che accetta;
- Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione il signor Raineri Livio che accetta;
- Segretario del Consiglio di Amministrazione la signora Bertoli Silvia che accetta.

Si dà atto che l'Associazione costituenda ha già ricevuto l'adesione delle seguenti Associazioni Bandistiche:

- CORPO MUSICALE "S. APOLLONIO "DI LUMEZZANE
- COMPLESSO BANDISTICO "G. PUCCINI "DI ADRO
- BANDA CITTADINA DI DARFO BOARIO TERME
- CORPO BANDISTICO SOCIALE DI VOBARNO
- CORPO BANDISTICO "OTTORINO RESPIGHI "DI TAVERNOLE S/M
- CIVICA BANDA MUSICALE DI BRENO
- CORPO MUSICALE COMUNALE DI VEZZA DíOGLIO
- CORPO BANDISTICO DI BEDIZZOLE
- FANFARA DEI BERSAGLIERI DI BEDIZZOLE
- BANDA CITTADINA "GASPARO BERTOLOTTI"DI SALO'
- FILARMONICA "S. CECILIA"DI SAREZZO
- BANDA MUSICALE DI CONCESIO
- CORPO BANDISTICO "S. CECILIA DI BORNO
- CORPO BANDISTICO "S. GIOVANNI "DI POLAVENO
- CORPO BANDISTICO DI URAGO MELLA
- CORPO MUSICALE DI ZOCCO E SPINA
- CORPO MUSICALE DI PONTOGLIO
- COMPLESSO BANDISTICO "S. CECILIA "DI NAVE
- CORPO MUSICALE CITTADINO DI GHEDI
- CORPO AUTONOMO MUSICALE DI CASTO
- BANDA CIVICA DI DELLO
- BANDA MUSICALE CAPONTINA
- CORPO MUSICALE "G. VERDI "DI PIAN CAMUNO

Si dà atto che i sopraindicati enti ed associazioni dovranno formalizzare L'adesione alL'Associazione provvedendo a fornire al Consiglio di Amministrazione della stessa gli elementi e le indicazioni richiesti dallo statuto allegato.
Le spese del presente atto annesse e dipendenti sono a carico delL'Associazione.
Richiesto io notaio ho ricevuto il presente atto e L'ho pubblicato unitamente alL'allegato mediante lettura da me fattane ai comparenti, i quali, approvandolo e confermandolo, lo sottoscrivono con me notaio.
Consta di due fogli dattiloscritti da persona di mia fiducia per sei pagine e parte della settima e copletato a mano da me notaio.



STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE

   ART. 1 -DENOMINAZIONE

E' costituita L'Associazione denominata "A.B.M.B. ASSOCIAZIONE BANDE MUSICALI BRESCIANE ".

   ART. 2 - SEDE E DURATA

L'Associazione ha sede in Brescia Via Musei n. 32
La sua durata è illimitata nel tempo, in connessione al perpetuarsi degli scopi.

   ART. 3 - SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE

L'Associazione, una e indivisibile, promuove e riconosce il decentramento territoriale, là dove questi sia richiesto e necessario.
L'Assocazione è apolitica e non ha finalità di lucro. Essa si propone di promuovere e favorire nella provincia di Brescia, la diffusione della cultura musicale e bandistica in particolare.
L'Associazione pertanto perseguirà i seguenti obbiettivi :

a) favorire lo sviluppo di organizzazioni bandistiche e musicali in genere; come ad esempio: gruppi corali, folcloristici ecc.;
b) curare la formazione ed educazione musicale dei giovani, agevolandone, anche finanziariamente, gli studi;
c) rappresentare unitariamente gli associati nei confronti della Pubblica Amministrazione in genere e privati proponendosi nelle iniziative come primo interlocutore a difesa degli interessi delL'immagine delle bande e organizzazioni musicali associate
d) far conoscere la esclusiva e peculiare natura amatoriale delle Bande e dei gruppi associati;
e) curare i collegamenti con Enti pubblici e privati e con analoghe o affini organizzazioni musicali esistenti in Italia e alL'estero, realizzando utili scambi culturali e associativi;
f) attivarsi per procurare alL'Associazione i mezzi finanziari, le sovvenzioni, le donazioni utili alL'spletamento delle sue funzioni;
g) promuovere e sviluppare ogni iniziativa rivolta a potenziare L'attività delL'Associazione, soprattutto nel campo della sensibilizzazione musicale, della formazione e della qualificazione.

A tal fine L'Associazione potrà:

1) istituire corsi di fomazione e specializzazione per le organizzazioni associate, aperti anche ad altri soggetti interessati alL'attività musicale;
2) curare la pubblicazione di bollettini, circolari, riviste, periodici, libri e stampati in genereattinenti L'attività svolta e/o da svolgere;
3) organizzare anche in collaborazione con altri organismi, riunioni, congressi, concorsi, rassegne, raduni e manifestazioni nelL'interesse degli Associati ed in particolare la promozione e/o la realizzazione delL'attività concertistica;
4) promuovere e/o organizzare attraverso gli Associati, manifestazioni e/o concerti di solidarietà e verso terzi meno abbienti, aventi scopi sociali ed umanitari;
5) costituire apposite sezioni di associati in relazione allo svolgimento di attività musicali differenziate ( es. bande musicali, gruppi corali ecc. ) ;
6) collaborare con i rispettivi assessorati della Provincia e del Comune di Brescia nelL'organizzazione di raduni bandistici e concerti in città, estendendo L'invito anche ai non associati.

   ART. 4 - SOCI

Sono ammesse a far parte delL'Associazione le seguenti categorie di

Soci attivi: Fondatori ed Effettivi,
Soci non attivi: Sostenitori;
Soci fondatori: sono soci fondatori i firmatari delL'atto costitutivo, persone fisiche che hanno fornito la loro disponibilità ad organizzare L'associazione ed a gestirla per i primi tre anni fino alle prime elezioni regolari delL'Associazione. Questi hanno il dovere morale di farla continuare per gli stessi fini per cui l'hanno costituita. Ogni socio fondatore ha diritto ad un voto.

Soci effettivi: sono soci effettivi i complessi bandistici, Enti e organizzazioni musicali rappresentati dai propri Presidenti e/o legali rappresentanti, che ne facciano riciesta e che ottengano L'ammissione da parte del Consiglio.
Hanno diritto di voto.
La loro ammissione è subordinata al versamento della quota di ammissione che verrà determinata dal Consiglio. Annualmente, essi versano il contributo associativo fissato dal Consiglio di Amministrazione.
Ogni socio effettivo dispone di un solo voto.

Soci sostenitori: sono soci sostenitori persone, Enti pubblici e privati che aderiscano agli scopi delL'Associazione e concorrano alla loro realizzazione.
Essi vengono considerati gli ìAmici delL'Associazioneì. La segnalazione viene proposta su indicazione del Presidente, dei Consiglieri o Associati, L'ammissione è deliberata dal Consiglio o a maggioranza.
Ogni socio sostenitore ha diritto ad un voto.

Il diritto di voto spetta comunque solo alle persone maggiori di età.
La quota associativa non puòessere ceduta nè per atto tra vivi nè per successione a causa di morte.
In caso di recesso il socio non ha diritto al rimborso della quota.

  ART. 5 - AMMISSIONE DEI SOCI EFFETTIVI

Il gruppo che desidera diventare socio effettivo deve presentare domanda scritta alL'Associazione specificando:

a) i propri dati identificativi con il proprio domicilio e codice fiscale e quelli dei propri rappresentanti e dirigenti;
b) il numero dei componenti del gruppo;
c) le variazioni che intervenissero nei dati sopra indicati dovranno essere comunicate a cura ed onere degli interessati.

Sull'accoglimento della domanda di ammissione decide il Consiglio di Amministrazione.
Il nuovo ammesso deve versare, oltre alL'importo della quota associativa annuale anche la quota di ammissione determinata dal Consiglio Amministrazione per ciascun esercizio sociale. Ai membri delle Associazioni o Enti aderenti alla ABMB puòessere rilasciato un tesserino che documenti L'adesione alL'Associazione.

   ART. 6 - CESSAZIONE DELLA QUALITA' DI SOCIO

Oltre che nei casi previsti dalla Legge, perde nel merito e nel diritto la qualità di socio:

a) chi, in qualunque modo, danneggi moralmente o materialmente L'Associazione;
b) chi non osserva le disposizioni contenute nelL'atto costitutivo o nel regolamento, oppure le deliberazioni legalmente prese dagli organi sociali competenti;
c) chi, senza giustificati motivi, non adempia puntualmente agli obblighi assunti a qualunque titolo verso L'Associazione.

Spetta al Consiglio di Amministrazione con la maggioranza dei 2/3 dei Coniglieri presenti constatare se ricorrano i motivi che, a norma di legge e del presente Statuto ne legittimino L'esclusione ed a provvedere in conseguenza nelL'interesse delL'Associazione.
Contro la delibera del Consiglio di Amministrazione il socio escluso puòappellarsi entro 30 (trenta) giorni dalla comunicazione al Collegio Arbitrale, la cui decisione è definitiva.
Ogni socio puòrecedere dalL'Associazione dandone comunicazione al Consiglio di Amministrazione con lettera raccomandata, tale recesso ha decorrenza con ratifica del Consiglio di Amministrazione.


  ART. 7 - ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Gli organi delL'Associazione sono:
a) L'Assemblea dei soci;
b) il Presidente;
c) il Consiglio di Amministrazione;
d) il Collegio dei Revisori dei Conti.
Presso la sede delL'Associazione, a cura del Consiglio di Amministrazione, vengono tenuti il Libro Soci, dal quale constano i nominativi (dati anagrafici o denominazione e domicilio) degli Associati, il Libro delle delibere Assembleari e il Libro delle delibere del Consiglio di Amministrazione. Tali libri potranno essere regolarmente bollati e vidimati.


   ART. 8 - L'ASSEMBLEA DEI SOCI

L'assemblea è costituita dai Soci fondatori, effettivi e sostenitori in regola con il versamento del contributo associativo ed è convocata almeno una volta alL'anno dal Presidente, o da chi ne fa le veci, con invito scritto a ciascun socio tramite lettera raccomandata inviata al domicilio risultante dal libro soci almeno dieci giorni prima della data di convocazione oppure a mezzo fax, per L'approvazione del bilancio preventivo e consuntivo, e occorrendo per L'elezione degli organi delL'Associazione e ogni qualvolta richiesto da almeno un terzo dei soci.
L'Assemblea è presieduta dal Presidente o, in caso di Sua assenza o impedimento, dal vicepresidente o dal consigliere pi_ anziano e funziona a sensi di legge.
L'Assemblea elegge il Consiglio di Amministrazione delL'ABMB e il Collegio dei Revosori dei Conti.
Il Segretario delL'Assemblea viene nominato di volta in volta dal Presidente ed adempie a tutte le funzioni segretariali.
Il verbale di ogni Assemblea viene redatto dal Segretario e firmato dal Presidente , viene conservato agli atti e trascritto nel libro delle delibere assembleari.
Ogni socio ha diritto ad un voto, è ammessa delega scritta ad altro componente del gruppo rappresentato o ad altro socio, il quale non può ricevere pi_ di due deleghe.
Hanno diritto di voto: i soci (vedi articolo 4) in regola con il versamento della quota associativa per L'anno in corso.
L'Assemblea sia ordinaria che straordinaria deve essere indetta in prima convocazione ad ora certa e in seconda convocazione un'ora dopo, in luoghi e nelle date stabiliti di volta in volta nella lettera di convocazione.
L'Assemblea ordinaria è valida allorquando sono presenti la metà più 1 (uno) dei soci in prima convocazione e in seconda con i presenti e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei soci presenti.
L'Assemblea straordinaria delibera in prima convocazione con il voto favorevole del 70% (settanta per cento) dei soci e in seconda convocazione con il voto favorevole del 51% (cinquantuno per cento).
Le modifiche statutarie sono demandate unicamente alL'assemblea straordinaria che può essere convocata allorquando il Presidente o il Consiglio di Amministrazione, unanimemente o a maggioranza, lo ritengano opportuno o su richiesta di almeno 1/10 (un decimo) dei Soci. Ad essa assiste un Notaio quale Segretario.

   ART. 9 - CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Il primo Consiglio è costituito dagli 11 (undici) fondatori autonominatosi come comitato di lavoro che dureranno in carica per i primi tre anni
Successivamente L'Associazione è amministrata da un Consiglio di Amministrazione che rimane in carica 3 anni, è rieleggibile, ed è cosÏ composto:

- Presidente
- Vicepresidente
- Segretario
- 10 (dieci) Consiglieri.

Tutti i membri del Consiglio di Amministrazione verranno eletti con le formalità previste dalL'articolo 21 del presente statuto.
Al Consiglio díAmministrazione sono conferiti i poteri per la gestione ordinaria e straordinaria delL'Associazione. Il Consiglio di Amministrazione deciderà sulL'erogazione dei fondi per il raggiungimento degli scopi delL'Associazione e potrà anche, in relazione a ciÚ, rilasciare procure per singoli atti o negozi o per determinate categorie di atti.
Spetta al Consiglio di Amministrazione:

  • deliberare la convocazione delL'Assemblea ed il relativo ordine del giorno;

  • nominare il Segretario, ove si rendesse necessario, che potrà anche essere scelto al di fuori del cerchio degli associati;

  • determinare il programma di attività delL'Associazione;

  • stabilire entro il 31 dicembre, L'ammontare della quota associativa annuale e la quota di ammissione per i nuovi aderenti;

  • predisporre il bilancio preventivo ed il consuntivo che sottopone alL'Assemblea;

  • nominare comitati, commissioni tecniche e gruppi di studio;

  • compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione compreso quello di rappresentanza nelle manifestazioni;

  • proporre alL'Assemblea eventuali modifiche da apportare allo statuto per migliorarne la funzionalità;

  • compiere, infine, tutti gli atti necessari per la realizzazione degli scopi delL'Associazione esclusi quelli che per legge o per statuto sono demandati all'assemblea.

Il Consiglio di Amministrazione si riunisce in via ordinaria almeno 3 (tre) volte L'anno e quando il Presidente lo ritenga opportuno o ne sia fatta richiesta da almeno 1/3 (un terzo) dei membri. Per la validità della riunione è necessaria la presenza della maggioranza dei componenti.
Il Consigliere, che presenta le dimissioni o che si rendesse assente ingiustificato a tre riunioni consecutive decade dalla carica e viene sostituito dal primo dei non eletti .
Le deliberazioni vengono prese a maggioranza assoluta dei presenti; a parità di voti prevale quello del Presidente. Il voto non può essere dato per rappresentanza.
L'avviso di convocazione del Consiglio di Amministrazione con relativo ordine del giorno deve essere spedito per lettera raccomandata almeno 10 giorni prima della data fissata; nei casi di urgenza il Consiglio di Amministrazione può essere convocato con telefax o telegramma da spedirsi 48 ore prima delL'ora fissata per la riunione. I verbali delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione dovranno essere iscritti in apposito libro verbali e firmati dal Presidente e dal Segretario.
Il Consiglio potrà redigere e approvare apposito regolamento per il migliore funzionamento delL'attività associativa, amministrativa e finanziaria.

   ART. 10 - IL PRESIDENTE

Il Presidente ha la legale rappresentanza delL'Associazione e presiede sia il Consiglio di Amministrazione che L'Assemblea.
In sua assenza viene sostituito dal Vicepresidente o dal Consigliere pi_ anziano di età.
I suoi compiti sono:
rappresentare legalmente L'Ente con tutti i poteri inerenti compresi quelli di delega;
controllare L'esecuzione delle deliberazioni assembleari e del Consiglio di Amministrazione;
assicurare il funzionamento delL'Associazione;
valutare le proposte da sottoporre al Consiglio di Amministrazione e adottare i provvedimenti amministrativi di urgenza salvo ratifica del Consiglio di Amministrazione;
firmare e quietanzare gli atti delL'Associazione;
convocare L'Assemblea su richiesta di almeno 5 dei membri del Consiglio di Amministrazione e di 1/10 dei soci ogni volta che venga richiesto e motivato;
Presentare i rendiconti e i preventivi alL'Assemblea previa relazione del Consiglio di Amministrazione e del collegio Revisori dei Conti;
Convocare almeno una volta alL'anno la riunione delle zone per discutere i problemi associativi sociali o per altre decisioni;
Conferisce il mandato ai rappresentanti di zona di rappresentarlo con L'obbligo di informazione nelle bande della zona di competenza.

   ART. 11 - IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

Il Collegio dei Revisori è nominato dalL'Assemblea. Esso è composto da 3 membri effettivi e 2 supplenti, i quali durano in carica 3 anni e sono rieleggibili.
I Revisori dei Conti hanno il compito di controllare la gestione e gli atti contabili delL'Associazione e ne redigono la relazione da allegare al bilancio consuntivo.
Essi sono scelti preferibilmente tra i dirigenti degli associati. I Revisori devono comunque essere Ragionieri, Dottori Commercialisti, Avvocati, Consulenti del lavoro o Revisori ufficiali dei conti.

   ART. 12 - VICEPRESIDENTE

Il Consiglio di Amministrazione su proposta del Presidente nomina un Vicepresidente che sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o a richiesta del presidente stesso in caso di impedimento.

   ART. 13 - CARICHE SOCIALI

Tutte le cariche sociali vengono assunte a titolo gratuito, cosÏ come le prestazioni, fatto salvo il rimborso delle spese sostenute.

   ART. 14 - PATRIMONIO E MEZZI PER IL CONSEGUIMENTO DELLO SCOPO

La dotazione patrimoniale è costituita dai beni indicati nelL'atto costitutivo. Tale patrimonio potrà essere accresciuto da eredità, lasciti e donazioni con tale specifica destinazione e da ogni altra entrata destinata a quel fine per deliberazione del Consiglio.
Spetta al Consiglio di Amministrazione decidere gli investimenti del patrimonio. I redditi del patrimonio ed ogni entrata non destinata al suo aumento, ivi comprese le quote associative, i contributi pubblici o privati ed i proventi di iniziative promosse dalL'Ente, conferiscono i mezzi per lo svolgimento delle attività istituzionali.
All'Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione comunque denominati, nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita delL'Associazione stessa, salvo il caso di destenazione o distribuzione imposta dalla Legge od effettuate a favore di Organizzazioni non lucrative di utilità sociale che per legge, statuto o regolamento facciano parte della medesima ed unitaria struttura.

   ART. 15 - BILANCIO

L'esercizio sociale finanziario va dal 1_ gennaio al 31 dicembre di ogni anno.
Prima del 31 dicembre di ogni anno, il Consiglio di Amministrazione approva i progetti di bilancio preventivo per L'anno successivo da sottoporre alL'Assemblea, da convocarsi entro i 4 (quattro) mesi successivi dalla chiusura nel quale sarà presentato anche il bilancio consuntivo per approvazione.

   ART. 16 - SCIOGLIMENTO

In caso di scioglimento delL'Associazione, deliberato dalL'Assemblea Straordinaria, previa nomina di un liquidatore, il patrimonio, esistente a quel momento sarà devoluto secondo le disposizioni di legge, a beneficio dei gruppi bandistici e corali associati, Onlus o a fini di publica utilità, sentito L'Organismo di controllo di cui alL'art. 3, comma 190, L. 662/96.

   ART. 17 - COLLEGIO ARBITRALE

Tutte le eventuali controversie tra Associati e tra questi e L'Associazione o i suoi Organi, compreso il reclamo contro la pronuncia di decadenza dalla qualità di Associato da parte del consiglio, saranno sottoposte con esclusione di ogni altra giurisdizione alla competenza di tre Arbitri e risolte in conformità al regolamento díarbitrato adottato dalla Camera Arbitrale istituita presso la Fondazione per gli Studi Economico - Giuridici di Brescia. Il Collegio emetterà la propria determinazione secondo equità in via irrituale.
A tal fine i soggetti interessati dichiarano di conoscere e di accettare integralmente il regolamento sopra citato.

   ART. 18 - OBBLIGO DEI SOCI

I Soci si impegnano ad osservare il presente statuto. Si impegnano pure a dare la loro collaborazione alL'ABMB per la realizzazione dei suoi fini istituzionali.

   ART. 19 - OBBLIGO VERSO GLI ASSOCIATI

L'Associazione tramite il proprio ufficio provvede alL'assistenza nelle pratiche amministrative e trasmette tutte le necessarie informazioni in merito alle sovvenzioni e alle leggi in materia.

   ART. 20 - RICONOSCIMENTO

L'Associazione potrà chiedere in ogni tempo il riconoscimento della propria personalità giuridica, con iscrizione nel pubblico registro, osservati tutti gli obblighi di legge.

   ART. 21 - Al termine di ogni mandato triennale il consiglio uscente stabilisce la data per il rinnovo. Per ciascuna zona stabilita dal Consiglio di Amministrazione vengono convocati nello stesso giorno gli Associati effettivi e fondatori della zona relativa in regola con il versamento associativo per L'anno in corso ed eleggono il loro rappresentante che entrerà a far parte del Consiglio di Amministrazione.
I 13 eletti formano così il Consiglio di Amministrazione ed eleggono al loro interno il Presidente, il Vicepresidente ed il Segretario.
In tale data si vota anche per eleggere il collegio dei revisori dei conti scelti nell'ambito di una lista di canditati proposta dal Consiglio di Amministrazione uscente.
Le schede della votazione vanno portate in sede provinciale dove verranno scrutinate e risulteranno eletti i candidati che avranno ricevuto il maggior numero di preferenze.


Torna ai contenuti | Torna al menu